8 dicembre 2005




 



 



 



 



 



 



 



 



 



 








Il tempo passa e ti lascia i suoi segni.
Tutti gli eventi accaduti,
le stagioni passate,
le camicie stirate,
i pasti consumati,
le lacrime versate,
e le cicatrici del cuore.
Tutta la gioia e l'orrore
racchiusi nello stesso scrigno.
Guardo tutto questo
ed è come se dentro me
avessi vissuto mille anni...



Grazie a Rael e a Emma per il gioiellino musicale.
Avrei voluto mettere un'immagine appropriata ma
quella che avevo in mente è stata già colta da Hekate.
Ma ho trovato questo cavolavoro di Dalì ancor più efficace...
Il tempo passa e io mi sento sempre più vecchia dentro. Una bellissima frase di George Eliot dice : "Non è mai troppo tardi per diventare ciò che si sarebbe potuto essere." Purtroppo sento che per me è già tardi...

4 commenti:

utente anonimo ha detto...

Non è mai troppo tardi per diventare ciò che si è. L'accettazione di se stessi.

Io non ti sento vecchia dentro, ma matura, adulta, segnata dagli avvenimenti della vita, come un'anima sensibile può esserlo.

Per me sei una forza Krishel e spero che un giorno, prendeno un po' le distanze e gurdandoti da un altro punto di vista, riesca a vederti anche tu.

Un caro saluto e un dolce abbraccio. Baby

EderaStigma ha detto...

hai ragione krishel, la vecchiaia non e' una questione anagrafica.
ma se cosi' e' ci si puo' porre rimedio. magari non subito e non a queste condizioni, ma la vita e' sorprendente puo' anche farti cambiare eta' a dipendenza da cio' che ti mette davanti.
sono passata a darti un abbraccio e a dirti di leggere i messaggi privati. ce n'e' uno per te.
un bacio grande piccola stella luminosa , mi fa troppo piacere essere inciampata in te .
grazie.
Edera
pezzo musicale magnifico!!! bello!! brava.

Fiammetta1 ha detto...

Cara Krishel, non preoccuparti, non sei la sola, sapessi quante spine ha questa rosa. Ciao un bacione Fiammetta

Inatteso ha detto...

Puo' sembrare banale,ma non è mai troppo tardi.Sentirsi addosso mille anni vuol dire aver vissuto più intensamente di altri,probabilmente con molto più sofferenza e raggiungendo dopo certi traguardi.E' difficile trovarsi ad arrancare su impervie salite mentre altri ,magari meno dotati,percorrono in discesa ogni passo sorretti dalla fortuna..da carte migliori ricevute dal destino.Ma ogni nostro passo è costato fatica,sudore..è impresso come un marchio a fuoco nell'anima,è prezioso.Se avremo la forza di seguire i nostri sogni quando conquisteremo la nostra vetta ci accorgeremo che molti ,nonostante più fortunati di noi,si sono persi per strada proprio perchè è stato tutto troppo facile al punto di darlo per scontato.
La vetta è dentro di noi,dentro di noi è la forza del sogno ,la forza essere cio' che vogliamo.
Un abbraccio.