11 luglio 2006



Respiri negati.
"Aria.
Effluvi colorati
di essenze aromatiche.
Intera esistenza
Vissuta in apnea.
Prego.
Vi prego.
Restituitemi il respiro.
Nessuna sagoma amica,
nessuna voce suadente,
Solo l'urlo inascoltato
di un'anima in frantumi.
Ridatemi l'antico desiderio,
mi possedeva, era solo mio.
Mille illusioni.
Mille bugie.
E' ciò di cui mi nutro.
Ora."K. 10/7/06

Ero indecisa se mostrarvi questa poesia oppure no. Alla fine però mi sono detta: Krishel, vai, sono i tuoi lettori non ti possono fare nulla di male e tu sei abbastanza forte da raccontare. Ieri sera la vostra padrona di casa ha avuto una piccola crisetta, niente di che. Invece di farmi ricaricare dalla Luna piena mi sentivo come se qualcosa, o qualcuno, mi stesse derubando le energie. Mi sentivo a corto di fiato, avevo continui capogiri. Insomma ero uno straccio. Vi ricordate che ieri vi ho detto che ero in coma? Devo ringraziare molte creature se sono riuscita a riavermi: primo madama Acqua, secondo il Custode, terzo la Dea che c'è in me e che mi ha permesso di curarmi. Grazie. Ho trascorso una splendida nottata, ho dormito soporitamente e mi sono svegliata con un'intensa energia dentro tanto che sarei pronta a rompere qualsiasi cosa. Non vi preoccupate non lo farò. Al massimo romperò le scatole a qualche vecchio/a amico/a, tanto per non perdere la reputazione e l'abitudine.

1 commento:

mammagiovanna ha detto...

eccome se capita, soprattutto se si è dotati di sensibilità come la Ns...una tecnica recente? soffiaci sù...l'ultima l'abbiamo vissuta in simbiosi: piedi a terra!!