5 dicembre 2006


Ora partono le riflessioni a raffica dopo quello che è successo. E il dolore che scorre ancora a fiumi. Passerà. Intanto sto attuando una sorta di autoterapia. Ieri pomeriggio sono andata in giro, ho comprato alcuni regali di Natale da spedire. E passo ad accogliere una proposta di una mia cara amica cioè usare il blog per fissare le cose che penso possano farmi crescere. E quindi attacco a parlare di una cosa che penso sapete già da tempo. Io non mi amo molto e questo è peggiorato con l'andare del tempo. Non so da dove derivi tutto questo e non ho motivi reali tangibili. Lasciatemi dire quello che sto per dire. Chi mi consosce sa che non mi sto autoincensando oppure che sto raccontando quella dell'uva. Fa parte della mia terapia. Mi guardo allo specchio e alla fine devo riconoscere che non sono brutta come penso di essere.  Ho degli occhi chiari molto belli se non fosse che li devo nascondere dietro gli occhiali. Ma quando non li porto si vedono. Il mio viso è ovale e regolare. La mia pelle sarebbe liscia se non la trascurassi. Ho semplicemente una voglia a destra vicino all'orecchio. Ho le labbra carnose che in teoria non avrebbero neanche bisogno di essere truccate. Si sono piccola di statura, un ma ho tutto quello che serve per attirare... (a intenditor poche parole) Molte volte mi sono sentita dire che ho una splendida base di capelli per le meches. Cosa che mi farò adesso. Meches rosse. E cercherò di andare più spesso dal parrucchiere per sentirmi una Dea come quella che vedete qui sopra. I miei sono capelli mossi li ho sempre odiati perchè non stanno mai a posto ma penso a tutte quelle donne che si fanno la permanente per averli. PERCHE' ALLORA DICO CHE SONO BRUTTA?? Questo a livello fisico. Poi vi parlerò del livello psicologico. E li scoperchiamo davvero il vaso di Pandora. Ma se voglio guarire, devo.
P.S. Oggi ho parlato via msn con il mio ex. Mi fa un effetto scrivere così. Era tranquillo. Mi ha chiesto come sto. E abbiamo convenuto che siamo più affettuosi l'uno con l'altra. Decisamente questa cosa doveva succedere. Inoltre ringrazio il gestore del negozio "O Ratto Pennugo" per la sua capacità di ascoltare la gente. Lui non lo sa, o forse si, è una dote davvero preziosa ed era quello che mi serviva ieri. Grazie. Grazie anche alla Dea che mi ha fatto decidere di andare in centro a prendere i cristalli che devo regalare e non a Sestri.

1 commento:

iochenonso ha detto...

Ciao Kris, mi spiace passare a rate, ma il pc ormai non regge più. Spero in Babbo Natale, se mi scrivi un pvt avò piacere di poter parlare cone te.
Io se vuoi ci sono anche per te. Un Bacio Fiammetta