16 dicembre 2006



Oscurità.

“Lascio messaggi di addio,
a chi è in grado di intenderli.
Il mio personale inferno.
L'idea di rivedere l'alba,
l'acre sentore del nuovo giorno.
L’irritante clangore degli inizi.
L’assordante silenzio della fine.
Non posso alzare una mano
e far sopire tutto quanto.
Come sospendere l’esistenza,
come arrestare il suo costante fluire?” K 20/05/04
Vedo che le cose in due anni non sono cambiate affatto. Anzi sono peggiorate. Ho avuto la conversazione più faticosa della mia vita con il mio fratello d'anima. Ancora non ci siamo. E invece di rivolgere le sue energie verso di se, che ne avrebbe un serio bisogno, pensa a rendere felice me. Mi ricorda qualcuno di mia conoscenza...

1 commento:

skarbie ha detto...

beh, però se pensa a rendere felice te, anzichè risparmiare energie per se, mi sembra un ottimo gesto, no? E' proprio per discutere di questo che la conversazione è stata delle più difficili? A presto e ciao