20 febbraio 2007


In questi giorni ho sentito tutti i limiti della conversazione telematica. C'è stata una sera in cui un amico ed io abbiamo parlato di questioni importanti. L'ho sentito dannatamente insicuro e, se fossi stata vicino a lui, beh penso che un'abbraccio sarebbe partito spontaneo e forte. Mi ha fatto male sentire la sua immensa fragilità e non poter fare nulla realmente per rimediare in qualche modo. Lo stesso dicasi per una mia amica che sta passando un brutto periodo per questioni di cuore. Ah l'amore questa forza capace di elevarti al cielo e di farti sprofondare nell'inferno più totale. E di nuovo quella dannata sensazione di impotenza, di non poter arrivare dove una parola giusta oppure una carezza, un'abbraccio, possono megliono di qualsiasi cosa. Ed è possibile anche fraintendersi, possibile pensare di essere causa di gelo e di rotture tra amicizie. Perchè in via telematica mancano le sfumature che si possono dare con l'espressione del viso, con il tono della voce, con il linguaggio gestuale. E tutte queste cose mancano, non arrivano. Insomma la conversazione via telematica comincia a starmi un pochino stretta. Ma solo un pò...

1 commento:

LaTony ha detto...

in effetti è vero, la comunicazione telematica toglie un po'. ma forse, a volte, grazie alla "maschera" dello schermo, si riescono a dire cose che faccia a faccia magari risulterebbe più difficile dire.
in generale, a prescindere dal mezzo, meglio dirle le cose che tacerle!
un abbraccio