25 febbraio 2007


A volte le parole non sono necessarie. A volte riescono solo a ferire. A volte non riescono a colmare il divario. A volte invece erigono un muro che è difficile spezzare. Sono parole ma scavano dentro e trovano il tuo più punto più debole. A volte non puoi fare altro che stare fermo ad aspettare, a osservare l'evolversi degli eventi. A volte vorresti agire ma sei bloccato perchè non sapresti cosa fare. A volte vorrei semplicemente sparire dalla vita di chiunque ti abbia conosciuto perchè sono troppo alti i danni e le ferite che il tuo passaggio ha lasciato. A volte sei troppo duro con te stesso, a volte troppo indulgente. E maledire quelle volte in cui non sai fermarti, in cui eccedi in tutto quello che fai e in quello che sei e ti senti sbagliato e fuori posto. La sofferenza maggiore è non saper accettare che certi eventi devono andare proprio come stanno andando, e non sapere accettare che alcune persone devono sparire dalla tua vita all'improvviso così come sono apparse...

2 commenti:

uneclissidiluna ha detto...

Mi sono scese le lacrime leggendo questo tuo post...
Hai ragione a volte le parole non bastano per poter portare il peso di ciò che vorrebbero dire,soprattutto quando si soffre...
E forse certe cose non si accetteranno mai del tutto, specie quando perdi qualcuno all'improvviso, quando accadono cose che mai e poi mai ti saresti aspettata...

isoladellaluna ha detto...

...è verò...anche io mi sento esattamente così.... dispersa ..in un rivolo di ricordi senza futuro....