17 aprile 2007

Please, don't say sorry.


Come avrete facilmente capito non farò il viaggio che dovevo. Peccato mi sarebbe tanto piaciuto incontrare quella persona e poterci parlare a quattr'occhi finalmente. Non mi racconto neanche della mia debole consolazione. Ancora una volta nella vita gli eventi prendono una piega diversa da quella che desidero. E la cosa peggiore è che mi si chiede scusa, la cosa peggiore è che ci si sente in colpa nei miei confronti. Colpa di cosa? Sono anni che vado avanti così: piccole speranze disattese. E poi mi chiedono perchè sto smettendo di sognare e sperare che ci sia per me qualcosa di più di quello che mi accade intorno. Chissà come mai.

1 commento:

Nilli ha detto...

Vorrei lasciarti un abbraccio, ed avere la possibilità che tu mi legga e che tu mi prenda più seriamente che puoi:
Noi, proprio Noi che potremmo avere le capacità per influire sulla vita Nostra e degli altri;
Noi, proprio Noi che abbiamo una consapevolezza incredibile rispetto agli "altri";
Noi, ehssì Noi, stiamo più male degli altri, a volte;

Ma Noi abbiamo non una risorsa in più: MILLE e MILLE.

Sei una Dea, non dimenticarlo MAI.

E tornerai ad essere te stessa.
Lo spero per Te, come lo spero per Me.