31 agosto 2007

Varie ed eventuali



Andiamo con ordine: sono appena tornata dal parrucchiere. Il rosso che mi ha fatto è più scuro di quello a cui pensavo e se farò foto domenica ve le farò vedere, forse se fate i bravi. Ho appena preso la maglia riferita al forum. Il davanti è venuto splendido, il dietro meno. Pazienza. Il colloquio... sarei in prova per una settimana il pomeriggio. Solo che non ne ho voglia. Allora sarebbe di lavorare per un impresa che si occupa di soccorso e rimozioni macchine, la mia mansione sarebbe quella della segretaria. La cosa che mi preoccupa è: odio le scartoffie di qualsiasi genere e formato ed è in un luogo che la sera e d'inverno diventa pericoloso a mio modesto avviso. Posso farmi la settimana e decidere che il posto non fa per me. Potrei anche. Vediamo. La cosa che mi ha fatto stare male oggi pomeriggio è non essere capita. Ma ormai sta diventando una cosa normale per me. Bando alle tristezze ho messo le mani sulla versione da fumetto della Torre Nera. Il mio animo oscuro sta giubilando...

Subway hai letto bene. E' la mia tredici nera e sto giubilando.

28 agosto 2007

Is anybody up there?

C'è qualcuno? Cq cq rispondete perchè qui c'è grossa crisi. Ripeto c'è qualcuno? Sto sentendo la tristezza di una persona, la sento piangere, ho la sensazione fisica del pianto e non è bello. Ripeto cq cq mi sentite? Cq cq rispondete per favore. Little hawk dimmi, ci sei? Dammi un segnale. Ne ho bisogno.

Please...

27 agosto 2007

Images and words



Ho quest'immagine che mi ispira un casino e non so nemmeno perchè. E' un periodo strano e i miei amici si allarmano e mi chiedono se sto bene, se ci sono di testa. Non so cosa rispondere. Io rispondo che sto bene ma qualcosa dentro di me non è per niente sicuro di questo. Forse è solo l'avvicinarsi del mio compleanno che mi fa essere so weird. Forse. Alla fine non lo so neanche io. E fine angolo depressogeno. Volevo mettermi un bel vestito perchè qui fa un caldo della madonna e tre quarti e invece ci ho dovuto rinunciare perchè...mi vergogno persino a dirlo. Non trovavo il rasoio per depilarmi. E ora però potrei ma non ne ho voglia. Non ho voglia di nulla in questo periodo. Mi riesce difficile scrivere, anche se come stato sono ritornata alla me di un anno fa. Scrivo mi leggo e mi dico: "cavolo quella non sono io, non posso essere io". Viene fuori una persona diversa, una più riflessiva, una persona che prova a non dare per scontato nulla anche se non è ammesso che ci riesca. La buona notizia è che finalmente il mio macellaio di fiducia ha riaperto. Lo so che gli animalisti e i vegetariani che passeranno di qui insorgeranno. Io sono carnivora, lo sono sempre stata penso che lo sarò sempre. Come ve lo devo dire?

26 agosto 2007

And the winner is..


Il pomeriggio di ieri è andato splendidamente. Adoro questi incontri fatti in amicizia, chiacchierate, cose in comune, gente che  si conosce in base a gusti musicali molto simili. Comunque per festeggiare la sensazione che avevo dentro di pura gioia avevo voglia di una bella birra, di quelle che difficilmente si trovano al supermercato, non so se mi capite. Sono entrata in un piccolo negozietto vicino P.zza Banchi, uno aperto da poco specializzato in cioccolaterie varie (e la golosona che è in me ha dovuto resistere alla tentazione di tutto il ben della Dea esposto) e anche birre. L'immagine qui sopra ritrae la mia scelta e devo dire che ne è valsa la pena. Personalmente nasco come sorseggiatrice di birra. Mi ci sono lievemente sbronzata a quattro anni quando dopo una festa mi sono finita tutti i fondi rimasti nei bicchieri, così piccola e già una viziosa. Per molto tempo ho avuto un rapporto burrascoso con il vino, non lo sapevo apprezzare o semplicemente non ho trovato nessuno che fosse riuscito a farmelo amare. Devo ringraziare Davide per quello. Comunque si diceva: ho sempre amato la birra, quella buona. Il gusto di quella che ho scelto: avete presente il caramello? Ecco. Con una piccola punta di tostato, davvero deliziosa. Penso che adesso nei miei prossimi giri in centro di tanto in tanto mi comprerò una buona birra ora che so dove trovarle.
Per LauraGDS: incomincio a pensare tu abbia ragione...

25 agosto 2007

Eventi



Per tutti quelli che mi hanno chiesto cosa succede a Bologna tra ben 8 giorni (ci sto uscendo di testa nell'attesa) eccovi qui sopra la risposta. Ok d'accordo siamo a casa mia e posso dire quello che mi pare e piace: io sono li per i Nine inch nails. Mettiamola in questo modo: i Tool non hanno nulla di nuovo da presentare in concerto, male che vada sono brani che ho già sentito dal vivo sia a giugno che a novembre scorso. Ci sarebbero solo un paio di brani che potrebbero uccidermi, le famigerate Wings (e io mi sento nelle ossa che le fanno anche se razionalmente so che non sono da festival) e poi basta. Invece i Nin hanno tutto un nuovo disco da presentare e promuovere, Year Zero, e si da il caso che ultimamente il signor Reznor ci sta facendo l'onore di portarlo dal vivo. Come potete capire quelli sono i pezzi che attendo con ansia e impazienza di sentire. Ma la giornata sarà speciale in se: potrò finalmente dare un volto a molte delle persone con cui chiacchiero normalmente via msn o via 3rd eye forum. Quindi comunque dovrà andare per me sarà un evento. Anche se quello con la e maiuscola l'ho già avuta a Brescia, grazie al Maestro...

P.S. Oggi pomeriggio ho appuntamento alle quattro con un'altra persona che solitamente sentivo solo via msn. Brutti maliziosi non pensate chissà cosa. Sarà un pomeriggio di chiacchiere in libertà. Devo ricredermi. Alla fine sono una persona ben più socievole di quanto penso di essere. Chissà...

23 agosto 2007

Intervallo parte seconda



Non ho ispirazioni. Stop. Mancano dieci giorni a Bologna. Stop. Venerdì 31 mi vado a tingere i capelli di rosso. Stop. Queste le scarne informazioni. Sono di nuovo in fase di stallo e quel che è peggio non ho con me i miei soliti sentimenti a farmi da scudo. Tante troppe riflessioni e mancano le parole per tirarle giù. E quindi metto un'immagine e spero di cavarmela. Fino al prossimo guizzo, fino al prossimo barlume di ispirazione. Forse...

22 agosto 2007

In vino veritas



Stamattina mi sono svegliata tardissimo, ho beccato mio fratello vestito di tutto punto che mi dice: andiamo a prendere il vino? Bofonchio un "fammi prendere un caffè e fare colazione e andiamo." Siamo andati alla Cantina sociale di Mombaruzzo in provincia di Asti. A dir la verità sono anni che mio fratello va a prendere il vino in quella cantina. Il vino è buono, il moscato pure e nel paesino vendono pure i famosi amaretti che sono una meraviglia per il palato. Invece di prendere l'autostrada mio fratello ha deciso di passare attraverso la strada statale e paesini che costellano l'entroterra ligure e piemontese. Il paesaggio che si può vedere nel percorso è molto suggestivo. Sono stata colpita dalla bellezza di vedere gli alberi di castagno con i primi ricci sui rami. Hanno un bel colore: un verde che sa di vita, di germogli appena spuntati, non so se rendo l'idea. E poi non c'è spettacolo migliore di percorrere la strada e beccarsi i filari di vite a perdita d'occhio. E le balle di fieno accatastate...

Uno punto dolente: i girasoli rinsecchiti. Li odio. Mi disgustano e mi incutono una sorta di paura strisciante. Tutto sommato però è stato un pomeriggio diverso dal solito.

19 agosto 2007

Happy birthday



Post doppio. Faccio gli auguri di compleanno a una vera sorella. Sono sparita per un buon sei mesi e ha saputo capire che era quello che mi ci voleva, che avevo bisogno di stare sola.

Grazie mille sorella, che Dea Madre ti benedica.

13 agosto 2007

Sideways



E' esattamente il classico film che potete vedere in una serata con un amico, senza volersi impegnare a riflettere più di tanto. Eppure i criceti partono lo stesso, ormai lo fanno di default.Due amici si conoscono da una vita, e da ugual tempo si sorreggono, contrastano, intendono a vicenda, l’uno così diverso dall’altro: Miles è un insegnante aspirante scrittore, depresso e miserabile, con alle spalle un matrimonio fallito; e l’altro è Jack, un attore senza fama ridottosi a recitare velocemente le avvertenze a fine spot che, come l’altro nel vino, ama abbandonare le sue frustrazioni nel sesso femminile. Ad una settimana dal matrimonio di Jack, Miles si offre di guidare l’amico in un singolare addio al celibato attraverso le strade della campagna californiana in un percorso enologico che li conduce entrambi ad una svolta cruciale nelle loro vite. E' un film brioso e divertente ma ha anche degli spunti di riflessione notevole. Entrambi sono personaggi incompleti: Jack sembra non riuscire a rassegnarsi al fatto che deve crescere, mettere la testa a posto perchè sta per sposarsi. Miles invece si attacca alle poche cose che ha e che rendono la sua vita degna di essere vissuta: la sua cultura per il vino, la speranza di poter pubblicare un libro. Durante il viaggio Miles conosce Maya, una splendida donna con la passione per il vino tale da fare dei corsi di orticultura e il sogno di lavorare in qualche azienda. Lei descrive il vino come una creatura viva, come un essere vivente. E la sua descrizione è la metafora della vita in generale. Il vino cresce e si evolve con il passare del tempo e raggiunge l'apice. In quel preciso istante tu lo devi assaporare perchè dopo è troppo tardi, dopo c'è il declino e ti sei perso il meglio. Esattamente come nella vita...

12 agosto 2007

Incontri ravvicinati



Si, lo so, la foto è venuta controsole. Ma non è quello l'importante. La vostra padrona non è stata rapita dagli alieni, e non li ha nemmeno visti. Non vi fate fuorviare dal titolo! Ok ricominciamo: ieri due esseri umani nonchè amici, nonchè membri onorati dei 3rd eye forum (ok sto esagerando almeno per me), nonchè blogger si sono incontrati a Brescia: Krishel e GekkoP. La foto che vedete è dalla camera dove ho dormito. Una bellissima giornata spesa in amicizia, chiacchiere, e tanto altro. Abbiamo visto anche un bel film: Sideways di cui vi parlerò presto e soprattutto ho visto cose che voi umani non potete immaginare...dei Nine inch nails. Che avevate capito? Smettetela brutti maliziosi. Insomma per una volta nella vita non mi sentivo sola. Grazie mille.

8 agosto 2007

Follia


Ci sono video assolutamente folli che ogni volta che li vedo mi strappano un bel sorriso. E' un pò di giorni che vedo la canzone e il video che vi mostro qui sopra. E' semplicemente assurdo e, soprattutto, ha a che fare con una cosa che io adoro: le maschere di carnevale. Si avete capito bene. Se c'è una cosa che io adoro è il travestimento, quella capacità di essere per un periodo dell'anno una persona diversa da me. Fin quando è stato possibile la maschera di carnevale per me era una missione da organizzare l'anno prima per la sua realizzazione. Volete la verità? Il mio sogno era sfondare il tabù e travestirmi con un costume che tutti quanti reputavano un costume maschile. Ero letteralmente stufa di tutte quelle damine, principesse e altre lezioserie assortite. Ne avevo orrore e schifo. Ci sono riuscita un anno vestendomi da lord inglese: bombetta, bastone e vestita elegantemente come un lord, con i baffi disegnati con la matita. Poi è venuta la passione per Peter Gabriel e mi sono disegnata addosso la sua maschera facciale da scimma al meglio che potevo. Avessi avuto accesso alle foto che ho ora sarebbe venuta meglio. Tutto questo però viene puntualmente frustrato. Ho solo due amiche che non amano travestirsi. Ogni anno mi dicono: quest'anno ci travestiamo? Io dico basta che mi avvisate almeno un paio di mesi prima per ideare una maschera decente. E ogni anno sempre la stessa storia: non si fa nulla. C'è stato un periodo che ho accarezzato l'idea di imparare a cucire per farmi i costumi da sola. Anche questo accantonato. Non ne vale la pena. Tanto fatica per cosa? Quella del travestimento è una cosa che amo solo io...
P.S. In questi giorni stanno facendo la pubblicità all'enciclopedia del patchwork. Sarei quasi tentata di prendere il primo fascicolo e vedere se è qualcosa a portata delle mie mani non propriamente abili.

7 agosto 2007

Perfect song


Ci sono delle volte in cui penso alla musica e mi chiedo se esiste la canzone perfetta. Quella orecchiabile ma non sguaiata, non troppo ruffiana, una canzone naturalmente bella. Purtroppo di canzoni così ne nascono sempre meno. Il video che vedete qui sopra è dei Crowded House un gruppo guidato dal neozelandese Neil Flinn. Sicuramente conoscerete i loro brani più famosi tipo "Weather with you", "Don't dream it's over", "Better be home soon". La canzone che vi faccio sentire è quella che a me piace di più per il suo essere minimale, per la sua semplice bellezza. Non è la canzone perfetta ma ci siamo molto vicini. E ora tocca a voi: ditemi come potrebbe essere per voi la canzone perfetta e magari datemi qualche titolo indicativo.
P.S. La vostra padrona di casa si è illusa di essere in ferie già da adesso. In realtà penso che mi farò solo la settimana di ferragosto. Da una parte mi irrita non poco perchè avevo in programma di fare alcune cose con calma e magari anche durante il mattino, dall'altra no perchè fondamentalmente non mi cambia poi molto. Sabato prossimo sarò comunque a Brescia.

5 agosto 2007

Ispirazioni



A volte Birillo mi stupisce. Mi chiedo ma stando così non gli andrà il sangue al cervello? Comunque lo vede ritratto qui nel vano tentativo di rinfrescarsi dal caldo. Neanche troppo vano visto che quello era l'unico punto della stanza in cui spirava una certa arietta. I gatti sono furbi e le sanno veramente tutte. Oggi ho dovuto fare la guerra con lui per salvare dei poveri e innocenti asparagi bolliti. Lui ne è letteralmente ghiotto, quando era più piccolo se li andava a rubare dal piatto. E le urla di mia madre che partivano. Sorrido. Mi sto facendo una cura particolare a base di musica, la mia unica grande amica. Alla fine ho deciso che il libro di Volo lo finisco anche perchè non è poi così triste come dice una mia amica e perchè è un racconto di vita e di un amore. Penso a quel mio amico che adesso si trova in Grecia e spero per lui che abbia lasciato il vecchio e solito se stesso qui in Italia e che riesca a divertirsi. Penso che sabato prossimo mi ritroverò in quel di Brescia a trovare un'altro amico e sarà una gioia per il cuore. E poi chissà ancora...

4 agosto 2007

Musica, maestro


Ormai dopo parecchio che mi leggete avrete capito che sono una fruitrice di musica a livello viscerale. La musica deve entrarmi dentro nelle ossa, deve essere una sorta di richiamo. Un pò come un canto delle sirene che prende e avvolge nelle sue spire. Cambia tutto: percezione, sogni, modo di vedere la realtà. La musica mi ha salvato la vita letteralmente. Non smetterò mai di dirlo. Perchè faccio questo discorso? Perchè invece noto che ci sono delle persone che io definisco scherzosamente "entomologi" della musica: gente che cerca di carpire i segreti attraversolo studio della tecnica, delle partiture, della strumentazione con cui è stata creata. Per carità io non sono qui a criticare, solo a capire. Ho l'impressione che questo tipo di persone si perdano qualcosa per strada nel processo di razionalizzazione della musica. Loro potrebbero benissimo controbattere dicendo che mi perdo qualcosa io per strada non possedendo le chiavi per capirla in maniera tecnica. E' il solito dilemma: raziocinio contro sentimento. Una cosa che mi ha colpito tantissimo in una conversazione con una mia conoscenza di un forum, un batterista, un musicista ossia uno che ha le basi per capire a livello tecnico. Gli ho fatto la domanda che poi vi girerò a fine post. Mi ha risposto che molto spesso la musica va vissuta a livello emotivo, così come viene, senza pensare alla tecnica e al resto. Ora a voi, ditemi come fruite la musica. Siete degli entomologi, cioè cercate di capire, di fare vostri gli strumenti per capire la tecnica con cui viene composta e sviluppata oppure dei viscerali, delle persone che si vivono la musica per le corde emotive che riesce a toccare?

3 agosto 2007

FERIE!

Quest'immagine, a parte che io adoro le maschere e la trovo deliziosa, è per dirvi che la vostra padrona di casa è ufficialmente in ferie. Al contrario dell'anno scorso mi muoverò poco se non per andare a trovare degli amici in giro per l'Italia. Me ne sono approfittata subito andando a mangiare fuori. Cosa? Uno splendido piatto di bocconcini di pollo all'ananas e patatine fritte che io adoro alla follia. Mi sono persino fatta insegnare come si fanno ad arte. Non ci vuole una scienza ma non ne ero capace. Comunque per un mese non vedrò più l'ufficio e non sapete come questo mi rende davvero contenta.

P.S. La vostra padrona di casa non riesce a stare con le mani in mano e sta tentando un nuovo esperimento. Se siete curiosi potete trovarlo qui: http://hauntedkrishel.blogspot.com/. Non vi devo dire che la lettura è vietata alle persone ipersensibili. Ho davvero intenzione di andarci giù molto pesante.

1 agosto 2007

Intervallo



Mentre la vostra padrona di casa è priva di ispirazione tranne per fare il collage qui sopra (a giocar con le immagini il tempo e la voglia le trovo sempre) e ha avuto il tempo per farsi lo stesso un pò di sana paranoia, niente di grave normale amministrazione, passo di qui, lascio il segno, auguro un buon Lughnasad a chi lo festeggerà (ovviamente non sarò tra quelli) e metto la musichetta tipica dell'intervallo. Mi drogo? Ma quanto mi drogo?

P.S. Manca un mese all'Indipendent e Trent Reznor ha portato dal vivo i nuovi pezzi del disco. Dire che sto godendo è dire poco. Direi che adesso l'attesa diventa ancora più insostenibile...