29 settembre 2008

Krishel's travel



Innanzitutto devo fare i miei complimenti a Trenitalia che non ha perso occasione di farsi riconoscere per ciò che è: un'azienda incapace di offrire un servizio decente e in orario per il costo che fa pagare per il viaggio. Tratta Milano-Genova 20 minuti di ritardo con conseguenza che ho perso il treno che dovevo prendere per Bologna e  ho dovuto prenderne un'altro che andava a Roma e che è arrivato a Bologna con 30 minuti di ritardo. Sommato fanno quasi un'ora in più di viaggio. Indecente se si pensa che ti fanno pagare 40 neurini... comunque a parte quello sono arrivata a Bologna. L'albergo anche se era piuttosto a puttemburgo rispetto al centro abitato era ben servito dai mezzi pubblici come c'era scritto sul sito ufficiale. Per la prima volta ho visto un albergo che, al posto delle chiavi classiche aveva la tessera magnetica. L'ambiente era tranquillo e pulitissimo e il letto era molto morbido. Ho fatto subito una lunga passeggiata per Bologna. Da quel poco che ho visto mi è sembrato un bel posto. Ho ammirato basita la biblioteca nel palazzo della Borsa. Una biblioteca enorme, ma veramente enorme e da quel poco che ho visto fornita di ogni bel della Dea libraria. Insomma io ci sarei passata tutti i giorni. Aperitivo analcolico per me, per non rischiare di stare male e cena in un ristorante vegetariano anche se io riesco a mangiare un insalata con carpaccio di trota cosparso di quello che mi è sembrato aneto. Delizioso!! Poi abbiamo continuato la sera in un locale in un locale con un bicchiere di vino a chiacchierare. Ridendo e scherzando sono tornata in albergo alle 4 del mattino. E la mattina ho fatto in tempo a prendere un caffè e un succo di frutta. Passeggiata ennesima per il centro di Bologna in attesa del treno e ritorno a casa. Ho diverse sensazioni e considerazioni sulla giornata che ho passato e che voglio tenere per me. Sono sensazioni molto piacevoli nonostante tutto. Alla fine ho fatto bene a regalarmi quel piccolo stacco, nonostante i miei dubbi e i soldi. I ricordi che ne servo sono tutti molto buoni anche se adesso ho i piedi che fanno male per quanto ho camminato. Ma va bene così...

26 settembre 2008

Verdetto finale



Questa è una foto di servizio in attesa che vi metto quella vera. Allora ieri pomeriggio ho fatto una torta semplice, semplice. Gli ingredienti? Presto detto: un vasetto di yogurt, tre vasetti di farina, due di zucchero, uno di olio di semi, due uova intere,  scorsa di limone grattuggiato e lievito vanigliato. Mettete prima yogurt, zucchero e uova e montate bene il tutto. (Io l'ho fatto con un frullino elettrico molto comodo) poi aggiungete la farina e incorporatela bene nell'impasto. Subito dopo l'olio e deve essere ben ben incorporato, l'operazione richiede un pò di delicatezza all'inizio. Unite scorza di limone, mezza bustina di lievito. Imburrate la terrina, ho usato uno stampo per ciambelle, e cospargetela di farina perchè non si attacchi nella cottura. Fuoco a 180/200° gradi circa acceso un buon cinque minuti d'orologio prima di infornare e il tempo beh quello l'ho fatto a occhio con precisione non saprei dirvi. Comunque sia la sensazione mentre stavo preparando l'impasto è stata bellissima, avevo una serenità dentro davvero incredibile. Era come se non fossi io a agire ma qualcun altro, una persona diversa, più sicura dei miei mezzi, qualcuno che non aveva fatto altro che preparare torte. E il lievito non mi ha tradito stavolta. Mio fratello però mi ha fatto la sorpresa e ha portato un vassoio di pasticcini fatti da una pasticceria vicino a casa mia, che fa anche scuola di cioccolato, e che pur essendo caro fa delle vere meraviglie per il palato. Quindi ho assaggiato la torta solo stamattina per colazione. L'impasto è venuto bello morbido e al gusto è buono. Adattissimo per essere inzuppato nel caffè. Insomma verdetto finale: direi positivo. E domani, domani...Domani Bologna.

25 settembre 2008

Happy birthday, Mrs Krishel





No questa non è l'immagine della torta che farò. Non sono così brava in cucina, anzi direi che sono piuttosto una frana. Però oggi ho capito che io vado a Bologna. Ho già prenotato l'albergo. Non è proprio vicino al centro ma sulla carta sembra essere molto ben servito con i mezzi.  Comunque alla fine questo sarà l'auto regalo di compleanno. Io la torta qui dentro l'ho messa. Provvedete voi alle bevande? Si dia inizio alla festa. A tutti quelli che passeranno di qui e mi lasceranno gli auguri dico già ora: grazie mille.

24 settembre 2008

Fragile Dream


Punto primo: Cliccate sull'immagine per capire di cosa si tratta, iscrivervi se vi va, e partecipare al concorso.
Punto secondo: qualcuno dei miei lettori splinder non solo tiene d'occhio il Fragile Dream ma conosce molto bene la mia passione per le cavolatine internettiane nel post Ok come loro. Più volte ti ho beccato mentre eri intento a guardare. Non c'è nulla di male in questo solo che la mia curiosità innata ed eterna mi spinge a chiedere di palesarti, di farmi capire chi sei nei commenti. Per lo meno so che oltre che ridere me stessa, cosa di cui ho sempre bisogno ogni giorno per andare avanti, faccio ridere qualcun altro. Oggi pomeriggio comincerò a chiamare vari alberghi per Bologna. Alla fine mi sarei convinta. E' vero ho un estremo bisogno di staccare, nonostante tutto. E stamattina mia sorella è riuscita a farmi ridere. Mi ha mandato un messaggio con scritto: "Tanti auguroni di buon compleanno. E la torta?" Le ho risposto: grazie degli auguri ma sei in anticipo di un giorno. Ah se qualcuno avesse da consigliarmi una torta facile facile da fare per domani gliene sarei grata. Qualcosa che abbia scritto anche i tempi di cottura perchè rischio che vengo di nuovo tradita da un insolito lievito....

23 settembre 2008

Pro e contro



Allora le novità per il mio compleanno sarebbero queste: una mia amica sta a Bologna per tre giorni, tra cui anche quello del suo compleanno che sarebbe sabato prossimo, e ha in mente di fare una specie di cena con nostri amici comuni. Ovviamente se n'è parlato e avrebbe piacere di sapermi della partita. E il 25 è il mio compleanno per cui sarebbero due feste in una. Solo che... io ho un sacco di ma sulla cosa. Primo e non meno importante: io psicologicamente in questo periodo sto a pezzi. Non come al solito che mi basta poco per riprendermi. Proprio non ce la faccio più con il cuore, con l'anima. Punto secondo: non me la sto passando benissimo economicamente. Per cui l'idea di spendere dei soldi per una cosa di piacere, da una parte ci vorrebbe, da una parte non so se posso permettermelo. Sto rimandando tantissimo nel dirlo alla tipa e nel cercarmi da dormire con il risultato che quando mi deciderò sarà troppo tardi. Non lo so, ditemi voi. Alternative? Stare a casa a piangere, andare a mangiare la pizza con le solite amiche... vedete voi. Io proprio non ci sto con la testa e chissà se mi riprendo stavolta. E se ne scrivo qui dentro vuol dire che proprio sto male.

22 settembre 2008

Dear Science


Ora vi spiego perchè in questi giorni sono stata particolarmente zitta. Era perchè nel frattempo vi volevo parlare di un disco che mi sta colpendo in particolar modo ma non potevo. Non potevo perchè, per la prima volta e spero che non sia nemmeno l'ultima, una mia recensione è finita su una webzine chiamata "Il cibicida". (cliccate sul nome please) Mi direte e la recensione? Eccovela servita: "A due anni di distanza da “Return To Cookie Mountain”, i Tv On The Radio ritornano sul mercato discografico con una nuova opera dal titolo Dear Science. Ad un primo impatto, l'ascoltatore sarà portato a pensare che il gruppo abbia voluto rendere un personalissimo tributo alle sonorità che più li hanno ispirati musicalmente, come nel brano d’apertura, Halfway Home, in cui scorgiamo rimandi alla new wave tipica degli anni ‘80. Crying si apre apparentemente come un normalissimo brano ballabile. In realtà già dalla sola interpretazione vocale si capisce che i Tv On The Radio non scelgono mai soluzioni compositive banali ed ovvie. Questo processo è percepibile in Stork And Owl, raffinato crocevia temporale in cui è possibile incontrare per strada, in un ideale viaggio musicale, i Cure e la delicata e soave eleganza di suoni tipici à la Bjork. Il vocalist per l’occasione si reinventa novello Peter Murphy o, addirittura, ci rimanda indietro con la mente ad un buon David Bowie d’annata; anche la stessa Family Tree non sfugge a questo principio: è un dolcissimo acquarello emotivo dall’atmosfera calda e malinconica. La ritmica sembra essere scandita da un immaginario metronomo che suscita l’idea del tempo che scorre, del passato rievocato alla mente, dell’album di famiglia pieno di ricordi, di eventi che non torneranno mai più. In questo brano Tunde Adebimpe, il cantante e frontman dei Tv On The Radio, dimostra una sicurezza ed una duttilità vocale notevole anche nelle tonalità più basse. Love Dog è un perfetto contrappunto di luci ed ombre tra la musicalità rarefatta dalla ritmica ondivaga, trasognata, e la presenza di strumentazione dal suono più marcato e vivido. Qui anche la voce si presta allo stesso gioco: a tratti persistente, vibrante, a tratti evanescente dal piglio sicuramente evocativo. DLZ riesce a sbalordire l’ascoltatore nella sua perfezione: un vero e proprio saliscendi musicale con cambi di accenti e di ritmiche quasi vorticosi, ma mai fini a se stessi, rendendolo sicuramente l’episodio più felice dell’intera opera. “Dear Science” è un disco compatto senza punti di cedimento e persino gli episodi che, ad un primo ascolto, appaiono i meno centrati hanno un ruolo necessario all'economia dell'album. I Tv On The Radio rimangono a tutt'oggi una delle realtà più interessanti del mondo musicale."
Dire che sono contenta è dire poco. Poi ci sono spiragli sul mio compleanno. Ma ve ne parlerò con calma quando avrò definito il tutto...

10 settembre 2008

3 years ago



"Troppo complicato inserire le foto qui dentro. Vorrei un'opzione come quella di yahoo: inserisci le foto da computer e basta senza passare da siti di host foto(che tra parentesi le schiacchiano le rendono brutte - o sono io che non le so usare).



E' una cosa fattibile oppure no? Mah boh nun se sa.



Intanto faccio la brava mamma per il mio  gatto. Avrei pure caricato una sua foto per far vedere quanto è bello. Va beh lasciamo perdere.



Alla fine sono caduta anche io vittima dei blog. Peggio per chi mai arriverà a leggerlo."

Tre anni fa non sapevo mettere una foto in un post. Tre anni fa non sapevo nemmeno che codice prendere per mettere una foto. Tre anni fa non c'era nemmeno la musica e voi adesso siete fortunati perchè non c'erano tutti i mezzi che ci sono ora a disposizione per metterla. O avevi un sito tuo dove caricarla o ciccia. Tre anni fa l'aspetto del blog era molto più comune. Poi è arrivato lo sfondo nero con la luna, terribile perchè non si vedeva nulla, poi la matrona wiccan, poi la signora del chakra e adesso l'acqua. Tre anni fa il mio blog era misero e non conoscevo nessuno. Se mi avessero detto che grazie a questo avrei conosciuto un sacco di persone, che avrei partecipato ad una cena fatta da persone che come me scrivono sul blog e che avrei imparato un sacco di cose non ci avrei creduto. Dopotutto la ritenevo una moda per adolescenti. Tutto sommato però non sono molto diversa psicologicamente da un'adolescente. Va bene così. Insomma tutto questo per dirvi che Krishel's house compie tre anni di vita. Ho voluto scegliere un'immagine buffa per celebrare l'evento. E molto lo devo a tutte le persone che quotidianamente mi leggono ed è davvero una risorsa preziosa per me. Vi sembrerà una cosa comune ma non lo è, non per me. Sapere che c'è qualcuno disposto a spendere del tempo per leggere quello che ho da scrivere... non ha prezzo. Grazie mille ragazzi. Ok ora la finisco con l'angolo diabete oppure mi costate una fortuna in insulina...

9 settembre 2008

Sorpresa!


Ecco questo proprio non me lo aspettavo. ho ricevuto il mio primo premio dopo quasi tre anni di blog da Fabiaccio.  Queste sono le cose che fanno bene al cuore.  Lo scopo di questo premio è quello di promuovere la bloglive nel mondo, e le regole sono queste:
1. al ricevimento del premio, bisogna scrivere un post mostrando il premio e citare il nome di chi ti ha premiato, evidenziando il link del suo bloglive;
2. scegliere un minimo di 7 bloglive (o di più) che credi siano brillanti per temi e/o design; evidenziarne dunque il nome e il link;
3. avvisare i premiati che sono stati nominati per il premio “Brillante webloglive”;
4. facoltativo: esibire la foto (o il profilo) di chi ha premiato e di chi viene premiato nel tuo bloglive.

Io non lo faccio al momento sono di corsa e non verrebbe comunque bene. Lascio però la nomina dei miei premi blog con tanto di motivazione:

1. http://www.placidasignora.com/ ho conosciuto Mitì e il suo blog tre anni fa e ho continuato a leggerlo per la sua freschezza, l'ironia con cui descrive gli eventi che vive, per i suoi giochi, per tutto ciò che riesce a scovare in questo oceano che è internet. E lo fa con uin tono sempre pacato, sempre divertente e divertito. Insomma fatevi un favore: andate a leggere questo blog.

2. nelsaccoconilgatto.splinder.com/ una bella persona e un'amica essattamente come la intendo io. Se fossimo più vicine penso che mi striglierebbe a dovere. E se avete visto l'ultima realizzazione grafica della casa un pò lo devo anche a lei.

3. willafoto.splinder.com/ Le vicende di lei e la sua Sly mi sono entrate nel cuore. Mi piace molto sia per come la ritrae sia per come le da voce.

4. www.shockdom.com/duecuorieunagatta/ quando ho bisogno di ridere e sorridere vengo a vedere questo blog. Le situazioni che ritrae con la gatta mi sono molto familiari.

5. keypaxx.splinder.com/ l'ho scoperto da poco ma adoro il suo punto di vista sulla realtà.

6. Il nulla è già dappertutto  questo lo premio perchè mi piace la sua penna. Sa veramente scrivere.

7 Parole di fede e devozione questo invece è un premio di incoraggiamento. Il suo autore sa scrivere ma non crede abbastanza nella sua penna. (Mi ricorda qualcuno di mia conoscenza).

Ce l'ho fatta. Non è stato facile davvero...