23 gennaio 2009

Il diavolo veste Prada





Ho capito che se voglio qualcosa me la devo procurare da sola, oppure lo devo fare da sola. E' passata una settimana da quando ho chiesto a mio fratello di aiutarmi a portare in camera il televisore. Almeno sto comoda la sera dopo mangiato. E indovinate chi ha fatto il trasferimento con tutto che non dovrei farle certe cose? Indovinato.  Ma andiamo avanti. Ieri era una di quelle rare sere in cui c'era un film degno di questo nome da vedere. Cosa? Il diavolo veste Prada. La trama che vi riporto qui sotto è presa da Wikipedia.

«Andy Sachs (Anne Hathaway) è una neo-laureata con un curriculum degno di nota che sogna di fare la giornalista. Ma ben presto si troverà ad occupare una scrivania che, seppure molto importante ed ambita, concerne il lavoro della moda, cui Andy non si è mai interessata, prediligendo le profonde indagini agli articoli sull'apparenza estetica. Ma il suo lavoro alla rivista di moda "Runway", al servizio della famosa Miranda Priestley (Meryl Streep), nota come "il diavolo", la costringerà ad avvicinarsi sempre più a un mondo a lei estraneo, fatto di abiti firmati, feste vip e viaggi a Parigi, guadagnato grazie alla sua caparbietà e all'aiuto di Nigel (Stanley Tucci), il collaboratore fotografo della temibile direttrice. Ma il contrasto tra la sua vita reale e la vita imposta dal lavoro, che costituisce la colonna vertebrale del film, continuerà a condizionarla.» Inutile dire che la Streep è strepitosa nel suo ruolo, come sempre. Poi lei si diverte davvero e si vede, oh se si vede. C'è anche un'altra contrapposizione nel film, una domanda che perme tutta la vicenda: quanto sei disposto a sacrificare per la carriera? Amore, amicizia, affetti vengono messi da parte in nome della carriera. Alla fine Andy guarda Miranda e si rende conto che lei potrebbe invecchiare in quel modo, si rende conto che sta vendendo la sua anima al diavolo, da qui il titolo, per dei valori effimeri che la porteranno inevitabilmente alla solitudine. Il finale non ve lo svelo, vedetevelo...

Nessun commento: