19 febbraio 2009

E due...


Come recita il titolo e due. Due volte che questo ragazzo, quest'uomo con il suo canto mi smuove qualcosa dentro. E' bravissimo e non mi importa se vincerà o meno X factor, anche se io spero di si se lo meriterebbe, lui ha semplicemente una voce incredibile. Già il pezzo di suo è uno dei più belli della discografia italiana: Impressioni di settembre. Il testo poi è pura poesia. Ma non tutti sono capaci davvero di interpretarlo con cura...
«Quante gocce di rugiada intorno a me
cerco il sole, ma non c'è.
Dorme ancora la campagna, forse no,
è sveglia, mi guarda, non so.
Già l'odor di terra, odor di grano
sale adagio verso me,
e la vita nel mio petto batte piano,
respiro la nebbia, penso a te.
Quanto verde tutto intorno, e ancor più in là
sembra quasi un mare d'erba,
e leggero il mio pensiero vola e va
ho quasi paura che si perda...
Un cavallo tende il collo verso il prato
resta fermo come me.
Faccio un passo, lui mi vede, è già fuggito
respiro la nebbia, penso a te.
No, cosa sono adesso non lo so,
sono un uomo, un uomo in cerca di se stesso.
No, cosa sono adesso non lo so,
sono solo, solo il suono del mio passo.
e intanto il sole tra la nebbia filtra già
il giorno come sempre sarà.» P.F.M.

Nessun commento: