3 febbraio 2009

Stupita



Ieri sera sono partita con l'idea di farvi una sorta di cronaca dell'episodio di X-factor ma poi qualcosa mi ha colpito tanto da cambiare direzione. Ieri sera l'unica esibizione che mi ha davvero lasciato qualcosa dentro è stata quella che vi mostro (vedetela dal minuto 1:39 circa). E' la cover di un pezzo dei Duran Duran: Ordinary World. Il pezzo originale è molto bello ma Enrico è riuscito davvero a interpretarlo in un modo che mi ha stupito, mi ha davvero colpito nell'animo. Non vi saprei neanche spiegare il perche e neanche ci provo. Vi lascio il testo di questa canzone per capirla meglio.

Came in from a rainy Thursday on the avenue thought I heard you talking softly

I turned on the lights the TV and the radio but still I can't escape the ghost of you

What is happening to me crazy some would say

Where is the life that I recognize, gone away



And I won't cry for yesterday there's an ordinary world somehow I have to find

And as I try to make my way to the ordinary world I will learn to survive



Passion or coincidence once prompted you to say pride will tear us both apart

Well now pride's gone out the window cross the rooftops runaway

Left me in the vaccuum of my heart

What is happening to me crazy some will say where is my friend when I need you most gone away



But I won't cry for yesterday there's an ordinary world somehow I have to find

And as I try to make my way to the ordinary world I will learn to survive



Papers in the roadside tell of suffering and grief

Fear today forgot tomorrow beside the news of holy war and holy need

Our's is just a little sorrowed talk, just blown away



And I won't cry for yesterday there's an ordinary world somehow I have to find

And as I try to make my way to the ordinary world I will learn to survive

Every world is my world (I will learn to survive)

Any world is my world (I will learn to survive)

Any world is my world, every world is our world, every world.



E per chi non lo sapesse l'allestimento scenico è una citazione della copertina del disco da cui l'originale è tratta...

P.S. Per Mario: Grazie per le parole che spendi. Fanno molto piacere. Scrivere è anche un po' la mia terapia, il mio migliore amico, il mio tirare fuori la negatività per non lasciarla marcire dentro e tante altre cose...

Nessun commento: