9 giugno 2010

Bentornata




Una mia amica, una di quelle che ho conosciuto grazie alla casa, in questi giorni ha avuto un'operazione importante. Non sto qui a spiegarvi di cosa si tratta perchè non mi sembra il caso, sarà lei a parlarne nei commenti se vuole, quando potrà. Oggi torna a casa e comincia la sua convalescenza. Sono stata in pensiero per molto tempo, pregando silenziosamente che andasse tutto bene. Ancora ora lo faccio.
Mi riporta indietro nel tempo alla me adolescente a quando mia madre è stata in ospedale e mio padre mi ha chiesto di aiutarlo a dare il bentornato a mia madre. Ho fatto quello che ho potuto, comprandole le lettere e mettendole tipo ghirlanda sulla porta della sala che da direttamente di fronte all'entrata. E le ho comprato una coppa con scritto alla miglior mamma del mondo. Ho come dire una specie di difetto. Sembra che stia lontana, che sia distaccata ma non è così. A volte mi succede che perdo le parole e preferisco stare lontana, stare distaccata per evitare di buttare addosso agli altri la mia ansia. E' un difetto che prima o poi correggerò.
Mia cara Laura spero che il tuo ritorno a casa sia stato dei migliori. Un ritorno alle cose che ami di più in questa terra. Questa immagine è piccola cosa. Fossi li da te, un mio abbraccio di quelli stritolanti non te lo leverebbe nessuno. Sei una grande persona, non dimenticarlo. Nemmeno quando trovi sulla tua strada qualcuno che ti dice il contrario. Non sa di cosa sta parlando, non ti conosce bene...

1 commento:

nevepioggia ha detto...

...e anche a me talvolta capita di restare senza parole,anche se non molto spesso....Ma stavolta ci sei riuscita cara Krishel,sono emozionata e grata e .....davvero non ho parole........Grazie cara,le tue parole sono ancora più preziose perchè so come sei.........un abbraccio stritoloso.Laura