4 ottobre 2010

Tokyo Blues, Norwegian Wood.






Avevo trentasette anni, ed ero seduto a bordo di un Boeing 747. Il gigantesco velivolo aveva cominciato la discesa attraverso densi strati di nubi piovose, e dopo poco sarebbe atterrato all’aeroporto di Amburgo. La fredda pioggia di novembre tingeva di scuro la terra trasformando tutta la scena, con i meccanici negli impermeabili, le bandiere issate sugli anonimi edifici dell’aeroporto e l’insegna pubblicitaria della BMW, in un tetro paesaggio di scuola fiamminga. E’ proprio vero: sono di nuovo in Germania, pensai. Quando l’aereo ebbe completato l’atterraggio, la scritta “vieteto fumare” si spense e dagli altoparlanti cominciò a diffondersi a basso volume una musica di sottofondo. Era Norwegian Wood dei Beatles in un’annacquata versione orchestrale. Come sempre mi bastò riconoscerne la melodia per sentirmi turbato. Anzi, questa volta ne fui agitato e sconvolto come non mi era mai accaduto prima”.


Per Toru quelle note sono semplicemente la chiave d'accesso ai ricordi di quando era universitario, di quando era assalito dal dubbio di aver sbagliato o poter sbagliare nelle sue scelte di vita e di amore, ma è anche guidato da un ostinato e personale senso della morale e da un'istintiva avversione per tutto ciò che sa di finto e costruito. E' un romanzo quello di Murakami che parla delle grandi questioni della vita: della crescita, di trovare un proprio posto nel mondo, della morte ma anche dell'amore. Questo per me è il secondo autore giapponese in cui mi imbatto. L'altra sapete chi è non ve lo devo dire. E ho trovato differenze tra i due come ci sono tra un uomo e una donna. Tanto eterea delicata la Yoshimoto, quanto più fisico, terreno Murakami. In comune hanno la stessa capacità di parlare di questioni gravi senza moralismi inutili e senza appesantire troppo. Il dilemma di Toru tra la figura di Naoko, ragazza del suo migliore amico morto suicida che finisce in un sanatorio per risolvere i propri problemi, e Midori, ragazza viva e vitale che sembra non farsi molti problemi in genere (è stato lampante per me l'episodio della minigonna, chi ha letto il libro sa cosa intendo) è lo stesso dilemma di tutti noi che ci dividiamo tra passato e presente e non sappiamo cosa sceglirere. Tra le tante cose penso venga ritratto anche due modi completamente diversi di rispondere al dolore e al lutto. Insomma in questo libro c'è tanto materiale di riflessione ed è scritto splendidamente. In alcune parti forse l'ho trovato fin troppo crudo, però va bene così. Se siete appassionati come me di autori giapponesi, dategli una possibilità.
P.S. Grazie Francesco.

7 commenti:

Sesostris ha detto...

Avevo in programma di prenderlo, dopo aver finito di leggere Kafka sulla spiaggia. (...che ti consiglio...)

Sesostris ha detto...

Avevo in programma di prenderlo, dopo aver finito di leggere Kafka sulla spiaggia. (...che ti consiglio...)

krishel ha detto...

Ce l'ho in lista per le prossime letture, grazie.

krishel ha detto...

Ce l'ho in lista per le prossime letture, grazie.

nicio957 ha detto...

Ora sì che ci siamo!! Benvenuta nel club... sono proprio contento che ti sia piaciuto, tu mi hai dato così tante dritte sulla musica, che mi sentivo in debito... Kafka sulla spiaggia è splendido (e penserai a Birillo come a un protagonista diverso della tua vita...), ed è giusto leggerlo in questo ordine, dopo Norw wood. Forse appena sotto, ma da leggere assolutamente Dance Dance Dance e Nel segno della pecora. Se poi tu fossi anche, come me, appassionata di podismo, o anche solo praticante occasionale.... non devi mancare l'Arte di correre, breve diario della sua esperienza (e passione) di podista... al solito scritto al top! Il tuo commento su Murakami è perfetto... continuando a leggerlo (lo farai... ora lo so), capirai meglio il ruolo della musica e dei gatti nella vita di questo scrittore... Ci sono vari punti di contatto tra voi due... Ciao Krish, alla prossima! F.

nicio957 ha detto...

Ora sì che ci siamo!! Benvenuta nel club... sono proprio contento che ti sia piaciuto, tu mi hai dato così tante dritte sulla musica, che mi sentivo in debito... Kafka sulla spiaggia è splendido (e penserai a Birillo come a un protagonista diverso della tua vita...), ed è giusto leggerlo in questo ordine, dopo Norw wood. Forse appena sotto, ma da leggere assolutamente Dance Dance Dance e Nel segno della pecora. Se poi tu fossi anche, come me, appassionata di podismo, o anche solo praticante occasionale.... non devi mancare l'Arte di correre, breve diario della sua esperienza (e passione) di podista... al solito scritto al top! Il tuo commento su Murakami è perfetto... continuando a leggerlo (lo farai... ora lo so), capirai meglio il ruolo della musica e dei gatti nella vita di questo scrittore... Ci sono vari punti di contatto tra voi due... Ciao Krish, alla prossima! F.

Silvietta ha detto...

Anche io in alcuni tratti l'ho trovato molto crudo, però appunto ci stava come dici. E' quella crudezza non gratuita, adatta ad una storia brutale come questa.
Ed è vero che è una scelta tra due modi di affrontare e vivere il dolore, una scelta non banale, assolutamente in giudicabile.
Tra l'altro se c'è una scena che adoro è quella in cui Midori freccia i parenti "Loro mi guardano male perché mangio tutto qui, ma sono io che sto tutto il giorno con mio padre, io che lo aiuto, ho bisogno di energie! Loro vengono di tanto in tanto" Grande ragazza, così si fa!