23 aprile 2013

Harry Potter e la camera dei segreti


Harry Potter è al secondo anno di scuola. Ma prima di questo alcune cose strane erano accadute: un elfo di nome Dobby ha nascosto tutte le lettere per Harry e sembra deciso a non farlo arrivare ad Hogwarths. Quando Harry gli chiede perchè lui risponde solo che qualcosa di terribile sta per accadere alla scuola. Ed effettivamente eventi strani e terribili si stanno consumando e turbano il normale svolgimento delle lezioni. Tutto sembra essere legato a una misteriosa e temibile camera dei segreti, da cui il titolo. Ho cercato di farvi arrivare la trama del libro, un libro che non ha funzionato. O almeno questa è stata la mia sensazione per tutto il tempo. Se mi hanno colpito parecchio la scena dello specchio e il confronto con il colpevole insospettabile nel primo libro, i vari attentati agli studenti mezzosangue e il confronto tra Harry e la sua nemesi non riescono ad avere lo stesso pathos per me. Inoltre comincio a provare una certa antipatia per il maghetto, puoi dire una volta che Potter subisce la sua fama ma alla seconda risulta stucchevole. Se proprio dovrei definirlo mi sa tanto di libro di transizione. Ora sto affrontando il terzo libro e speriamo che sia meglio.

1 commento:

Phoebes ha detto...

Devo ammettere che questo è il libro che mi è piaciuto dimeno della serie, anche se comunque non mi ha deluso come è successo con te.

Spero che il terzo possa tornare a soprenderti! :)