15 ottobre 2013

La tredicesima storia

Margaret Lea è una giovane libraria di Cambridge, che conduce una vita quieta e colta, divisa tra l’attività della sua libreria antiquaria e la passione per le biografie letterarie. Un giorno Margaret riceve una strana lettera che, senza troppe spiegazioni, la convoca nella residenza della più grande scrittrice d’Inghilterra, Vida Winter.  Personaggio affascinante circondata da tanti misteri, la Winter, ormai al termine dei suoi giorni, vuole svelare tutti i segreti del suo passato, e ha scelto la giovane e inesperta Margaret come sua biografa; solo a lei racconterà la verità sulla sua vita. (Trama presa qui: http://bloglibri.hoepli.it/dblog/articolo.asp?articolo=152) Vida Winter tra i vari romanzi scritti ha creato una raccolta di racconti. Il titolo menziona la presenza di 13 racconti ma quando lo leggi scopri che la tredicesima non esiste. E tra gli appassionati ricorrono spesso le ipotesi su dove possa essere questa fantomatica storia. Man mano che Vida comnincia a raccontare la storia della propria vita viene fuori il ritratto di una famiglia nello Yorkshire, in un paesino chiamato Angelfield. Una storia di una famiglia disfunzionale e di due gemelle dal carattere insolito. Il libro si dipana piano piano intorno alla vita di queste persone, che rivivono grazie alla memoria di Vida, fino a giungere alla soluzione. Anche Margaret ha una sua personale storia che trova compimento alla fine del libro, lasciando il lettore con un senso di compiutezza e di serenità.
Il libro si legge in maniera scorrevole, peccato per alcune imperfezioni dovute alla poca attenzione del traduttore nel vergare le sue parole con un minimo di sapienza e di attenzione alla forma appunto.

1 commento:

PSICOTAXI ha detto...

lo prenderò ;) Mi piace molto la recensione