27 aprile 2014

Ciao Boskov

Ci sono persone che ti lasciano un segno anche piccolo, anche se ad altri sembrerà insignificante. Solitamente io parlo poco di calcio perché non sono la classica tifosa sfegatata che va allo stadio oppure che sa le formazioni della squadra a memoria. No, non sono quel tipo. Nella mia memoria e nel mio cuore ci sono scolpite tutte le emozioni che ho provato l'anno in cui la Sampdoria vinse lo scudetto, quando c'eri tu con la tua simpatia, il tuo modo di fare, il tuo italiano improbabile e una squadra fortissima come poi la Samp non è stata più dopo. Queste sono cose che non si dimenticano. E stasera il mio cuore è triste. Se n'è andato un grande allenatore e una persona davvero fuori dal comune. Se n'è andato un pezzettino della mia storia personale di tifosa, immagino che adesso ti farai delle grandissime chiacchierate con Mantovani. Grazie per quello che hai fatto..